Tag: natale

Speculaas: il profumo delle feste in un biscotto

Speculaas-spezieIn questo periodo dell’anno l’aria di queste parti profuma di spezie: si preparano gli Speculaas, deliziosi biscotti delle feste. In Olanda, tradizione vuole che vengano offerti specialmente per Sinterklaas (di cui ho parlato nei due post precedenti), anche se poi, di fatto, ormai si trovano e si mangiano tutto l’anno.

Speculaas-stampo In Belgio li chiamano Speculoos. Il nome sembrerebbe legato alla parola latina speculum, che significa specchio, immagine, perché l’impasto viene pressato in uno stampo di legno intagliato, il cui soggetto risulta appunto riprodotto “specularmente” sul biscotto. Questo l’ho sentito dire piú volte e l’ho letto anche su Wikipedia, dove vengono proposte altre ipotesi, tra cui la parola, sempre latina, species, da cui specerijen, spezie in Olandese (che sono l’ingrediente fondamentale). C’è spazio per approfondimenti teorici molto interessanti!

Dal punto di vista pratico, invece, ho voluto mettermi di impegno e imparare a farli in casa. Anche qui, non è stato semplicissimo venirne a capo, perché non sembra esistere una ricetta “ufficiale”. Ce ne sono bensí numerose varianti: ampio è il dibattito sulla giusta miscela di spezie (ma qui si può anche comprare una miscela già pronta: speculaaskruiden) e sul tipo di zucchero da utilizzare. Anche le proporzioni tra gli ingredienti variano.

Cosí, come spesso capita, ho finito per seguire un po’ questo e un po’ quel consiglio, fare alcune prove e poi andare di testa mia:

SPECULAAS – ingredienti per una infornata – circa 20 biscotti (io preferisco fare due volte l’impasto, se voglio piú biscotti, piuttosto che raddoppiare le dosi).

150 gr di farina bianca; 75 gr di zucchero scuro (qui si usa il basterdsuiker, uno zucchero raffinato a cui viene aggiunta melassa, disponibile in versione chiara, gialla o scura, ma va benissimo, anzi secondo me meglio, uno zucchero non raffinato, tipo lo zucchero di canna grezzo o meglio ancora il muscovado); 75 gr di burro (o margarina); mezzo cucchiaino di bicarbonato o di lievito per dolci ; un cucchiaio di spezie miste, in polvere, nelle proporzioni desiderate: cannella (di solito prevalente), chiodo di garofano, noce moscata, zenzero, pepe bianco. Vanno bene anche anice stellato, cardamomo, coriandolo; 2-3 cucchiai di latte (anche vegetale); 1 pizzico di sale.

Setacciare la farina con il lievito in una ciotola. Aggiungere lo zucchero, le spezie e il sale e mescolare bene. Disporre a fontana sul piano di lavoro e porre nel centro il burro freddo tagliato a dadini. Lavorare il tutto velocemente con le punte delle dita fino ad ottenere un composto sbricioloso. Versare un cucchiaio di latte e iniziare a impastare. Unire il rimanente latte a cucchiaiate finché l’impasto non sarà raccolto in una palla compatta e omogenea. Ne dovrebbero bastare tre cucchiai, ma molto dipende dal tipo di farina utilizzata. Mettere la palla in frigorifero avvolta nella pellicola trasparente, da un minimo di mezz’ora fino a una notte intera. Ritirare dal frigo e lavorare un pó per ammorbidirlo (in principio tenderà a sbriciolarsi ma niente paura, poi riprende consistenza). Stendere con il mattarello sul piano infarinato. Lo spessore deve essere piuttosto sottile, meno di mezzo cm, direi. Ritagliare con tagliabiscotti o con la punta di un coltello affilato, nelle forme preferite. Disporre su placca rivestita di carta da forno , cuocere in forno preriscaldato a 175-180 gradi per 15-18 minuti. Sfornare e cercare di lasciar raffreddare prima di assaggiare! Appena sfornati sono ancora morbidi ma raffreddandosi diventeranno croccanti!

Speculaas-2

La cosa che io amo di questi biscotti è l’aroma che sprigionano, soprattutto mentre cuociono in forno. Mette di buonumore! Per me, profumano di Natale! Sono perfetti da offrire in questi giorni e anche come regalino last-minute. Naturalmente, non è obbligatorio usare lo stampo di legno. Io questa volta ho optato per i tradizionali tagliabiscotti, piú semplici e veloci. Ho infornato anche i ritagli più piccoli, ottenuti con i mini stampini, ma quelli sono spariti prima che potessi fotografarli! Rimangono solo i buchi nei biscotti più grandi…

Speculaas-1

Quest’anno regalo Speculaas, per il caffé della mattina di Natale! AUGURI!

 

Speculaas-caffe

 

Natale: cuoricini e alberelli “a zig zag”

Christmas decorations: “pinked” hearts and trees.
Cuoricini-zig-zag

In questi mesi ho accumulato tanti ritagli di stoffa e avevo già in mente di usarli per preparare delle decorazioni di Natale a forma di cuore. Poi, per Sinterklaas (vedi post precedente), ho ricevuto in regalo questa:

Last week, for Sinterklaas (see previous post), I was given pinking shears as a present. Lovely! Of course, I wanted to play with my new tool immediately. That’s how I came up with my “pinked” Christmas decorations.

Forbice-zig-zagEvviva! la forbice seghettata per rifilare i margini dei tessuti! la volevo da un sacco di tempo ma non mi decidevo mai a fare questa spesa. Probabilmente qualcuno in casa ha tenuto le orecchie bene aperte e così eccola qui!

Dovevo giocarci subito, ovviamente. Ho deciso che i miei cuoricini avrebbero avuto un bel contorno a zig zag!

 

Grazie alla mia nuova utilissima forbice, il lavoro è stato super veloce:

This is fun, quick and easy:

Cuoricini-zig-zag-fare-1

1) ho piegato la stoffa in doppio, rovescio su rovescio e ricalcato la sagoma di un cuore sul diritto, usando il pennarello speciale per marcare il tessuto, che svanisce all’aria.

1) Fold the fabric wrong sides together and draw the heart on the right side, with a fabric marker.

 

 

Cuoricini-zig-zag-fare-2

1) ho cucito il contorno a punto dritto, lasciando un’apertura su un lato. Ho fermato le cuciture in corrispondenza dell’apertuta.

2) sew along the shape and leave an opening. Make sure to backstitch the ends.

 

 

Cuoricini-zig-zag-fare-33) ho ritagliato il cuore con le forbici seghettate. Carino, no?

3) cut along the shape with pinking shears. Cute, isn’t it?

 

 

 

Cuoricini-zig-zag-fare-44) ho imbottito il cuoricino – non troppo – e ho cucito a macchina l’apertura.

4) stuff it with some soft material – not too much – and sew the opening closed.

 

 

 

Cuoricini-zig-zag-fare-55) Ho decorato il mio cuoricino con un bottone al centro. Per cucirlo ho usato filo doppio e un ago lungo e robusto, non proprio da tapezziere ma quasi.

5) Decorate your heart. I stiched a button right in the center, using a sort of tapestry needle and doubled thread.

 

 

Ne ho fatti un po’ e ho messo a tutti una cordicina, per appenderli.

Cuoricini-zig-zag-con-bottone
A qualcuno ho aggiunto solo un campanellino

Cuoricini-con-campanello

E poi, con lo stesso metodo, ho fatto anche qualche alberello. With the same method I made some Christmas trees:

Alberelli-zig-zag

Dei bellissimi alberelli di stoffa li ho visti su Filo-so-pia, per me sempre grande fonte di ispirazione. Vale la pena fare un giro: oltre agli alberelli, da Pia ci sono tante altre belle idee per le decorazioni di Natale fai-da-te (e molto altro!).

I got the idea for fabric Christmas threes on my favourite blog for creative sewing projects: Filo-so-pia. It is always very inspiring, I suggest to take a look: Pia has so many brilliant ideas for DYI Christmas decorations (and much more!).

Penso che i margini seghettati siano molto adatti a rendere questo soggetto. E poi volevo continuare a giocare con la mia forbice. Ho seghettato tutto, tronco compreso!

Albero-con-campanelloPoi ho decorato con bottoni, fiocchetti e campanelli.

MINOLTA DIGITAL CAMERASto pensando di alternare alberelli e cuoricini in una ghirlanda e appenderla alla finestra.

Buon divertimento e Buone Feste

I am planning to make a garland with my hearts and trees. Have fun and Happy holidays!

Alberelli-e-cuoricini-zig-zag-Buone-Feste

Natale: decorazioni in pasta di sale e un omaggio all’arte del crochet…

Christmas decorations: salt dough and a tribute to the art of crochet (for English click here)

Sinterklaas-2014-pakjesavond Sono fortunatissima: per me, Dicembre è un mese intero di festa! In Olanda, infatti, si celebra Sinterklaas, o Sint Nicolaas, la sera del 5. Proprio come si fa da noi a Natale: ci si riunisce con le persone care per scambiarsi piccoli (o grandi) doni, mangiare cose buone e godere della reciproca compagnia. Quindi, se da brava milanese avevo sempre considerato i giorni intorno a S. Ambrogio e l’Immacolata, ovvero 7  e 8,  come quelli giusti per iniziare a decorare la casa per le feste, da quando vivo qui devo anticipare un pochino!

Cosí la scorsa settimana ho iniziato a fare il mio albero

Albero-di-natale-2014-1

Sono solo dei rami raccolti nel parco, sistemati in un vaso di vetro riempito per metà con sassolini. Le decorazioni che ho appeso sono in parte realizzate da me e in parte da una sconosciuta artista dell’uncinetto.Albero-di-natale-2014-2Ho scovato queste straordinarie palline fatte a crochet in un negozietto dell’usato, alcuni mesi fa. Erano in un sacchetto di plastica parecchio impolverato e odoravano forte di cantina ma io ho preso tutto senza esitazione perché avevo intuito quale tesoro contenesse. Ho dovuto lavarle molto bene, perciò i colori si sono un po’ sbiaditi ma io le trovo comunque stupende! Nel sacchetto c’erano anche dei bigliettini scritti a mano che specificavano si trattasse di decorazioni per Natale. Li ho conservati e ho voluto omaggiare la talentuosa autrice seguendo le sue indicazioni. Io all’uncinetto non sono brava ma mi piacerebbe molto imparare…

MINOLTA DIGITAL CAMERA Albero-di-natale-2014-decorazioni-crochet-11 Albero-di-natale-2014-decorazioni-crochet-4Albero-di-natale-2014-decorazioni-crochet-3Le stelline e i cuoricini bianchi invece li ho fatti io. Mi sono divertita un mondo!

Albero-di-natale-2014-decorazioni-pasta-di-sale

Non avevo mai provato la pasta di sale e l’ho trovata piacevolissima da modellare. E poi è davvero semplice da fare, atossica (non consiglio di assaggiarla, comunque!) e super-economica.

Albero-di-natale-2014-decorazioni-pasta-di-sale-2La maggior parte delle ricette che ho trovato suggerisce due parti di sale, due parti di farina e una parte di acqua. Io così ho ottenuto una pasta friabile e duretta, non molto malleabile, che si crepava facilmente. Alcune dicono poi di aggiungere della colla vinilica. Io non l’avevo. Mi sono limitata a farina, sale e acqua nelle seguenti proporzioni:

2 parti di farina bianca; 1 parte di sale fino; 1 parte d’acqua.

Il mio consiglio, se volete provarci, è di mischiare sale e farina in una ciotola e versare l’acqua gradualmente, impastando via via con le mani. In questo modo si può controllare meglio la consistenza dell’impasto, evitando che risulti troppo bagnato e appiccicoso e di dover quindi aggiungere nuova farina (questa è una regola che vale anche per gli impasti commestibili, tra l’altro).

Una volta che avrete ottenuto una pasta ben amalgamata, morbida e liscia, potrete modellarla nelle forme desiderate. Io l’ho semplicemente stesa col mattarello e ritagliata con dei mini taglia biscotti. Ho praticato i fori con uno stecchino di legno da spiedino.

Albero-di-natale-2014-decorazioni-pasta-di-sale-3

Ho lasciato asciugare le mie formine per un giorno intero vicino a un termosifone, poi le ho messe per un po’ nel forno ventilato a temperatura minima. Non so se sia veramente necessario, ma certo accorcia i tempi. Sono pronte quando sono completamente indurite. Dimenticavo: le piccole decorazioni a rilievo sono le impronte dei tappi di un pennarello e di una penna bic!

natale-2014-decorazioni-pasta-di-sale

 

 

 

 

 

 

 

 

Ne ho fatte tantissime! Così piccine, si possono anche usare come chiudi-pacco.

E a proposito di pacchettini…cosa ci ha portato quest’anno Sinterklaas?

Poiché siamo stati molto buoni: le nostre iniziali in cioccolato, come si usa tradizionalmente, deliziosi speculaas e pepernoten, biscotti speziati tipici che mi piacciono tanto (pero di postare una ricetta, prima o poi!) e altre piccole cosette: profumato thé alle erbe, caldi e morbidi calzini (mai abbastanza!),libri…

…sono davvero grata, per tutto! Il regalo più gradito, però, ve lo svelerò nel prossimo post, perchè intendo usarlo per preparare altre decorazioni di Natale…a presto!

Sinterklaas-2014-chocolade-lettersSinterklaas-2014-speculaas-kruidnoten