Tag: creative recycling

Polsino o borsellino? recupero vecchie camicie 1

Recycle of an old shirt, part 1: a small purse! Text is not translated in English this time, but the project is simple and the pictures are pretty clear, I hope! Any questions, feel free to ask

Il buon proposito per questo fine settimana era mettere ordine tra le mie stoffe e materiali, per cucito e altro. Sapete a cosa mi riferisco, voi amanti degli hobby creativi (quelli disordinati come me, intendo. I precisini non lo sapranno): arriva sempre il momento in cui si vuole cercare di dare un senso al caos…

Camicetta-tessuto

… stava anche andando bene, finché sono incappata in tre camicie che non mi ricordavo di aver messo da parte. Tutte e tre 100% bel cotone, roba che non si trova più, se non ai mercatini dell’usato e nei bauli delle nonne, ma un po’ fuori moda e fuori misura…

Le ho rigirate un po’, in cerca della falla che mi aveva fatto decidere di non darle via. Beh, macchie, strappo, scoloritura… ho capito: non erano più indossabili, bisognava trasformarle in qualcosa!

Guarda e riguarda, l’occhio mi è cascato sul polsino:

Polsino-camicettacon quei due bottoncini e quella forma così regolare… non è proprio una mini-borsettina, già praticamente fatta?

Ecco come i buoni propositi iniziali sono andati all’aria..dovevo mettermi subito all’opera! Se avete una vecchia camicia con i polsini ancora in ordine, questo è un lavorino veramente veloce, Ecco come procedere:

 

 

 

Divertente! Come fermarsi?

Polsino-astuccino-tre

Polsino-astuccino-3 Ci sta comoda la tessera della palestra e qualche soldo…ci starà anche la chiave dell’armadietto

 

Polsino-astuccino-4

Qui le chiavi della bici, magari?

Polsino-astuccino-5

 

 

 

 

 

 

E qui l’iPod…

vi saluto a ritmo di musica!

E che ne facciamo del resto della camicia?

Alla prossima puntata! Buona domenica.

Note: for this project I have used old button down shirts that were no longer wearable, not only because out of fashion or wrong size but because of stains and discoloured parts. I will use the rest of the shirts as well…part 2 will follow!

 

Puntaspilli da polso

Wristband pincushion

puntaspilli da polso

L’idea mi è venuta un giorno in cui ero particolarmente esasperata da quel fenomeno che chiunque faccia lavori di cucito immagino conosca: io e il mio tessuto da puntare da una parte e il puntaspilli, per ragioni sconosciute, da tutt’altra! Non vi capita? Allora siete persone molto ordinate. Potete snobbare questo articolo e passare ad altro. Se siete come me, invece, forse questo buffo progetto fa per voi: un braccialetto con puntaspilli incorporato!

Se l’idea vi sembra buona, ecco il materiale occorrente per farlo come l’ho fatto io:

Puntaspilli-occorrente
un tappo di plastica o altro materiale (il mio era di alluminio, tipo quelli delle bottiglie di vino); un ritaglio circolare di stoffa o feltro di diametro superiore a quello dell’apertura del tappo (il mio tappo era 3 cm, il feltro 8 cm); una striscia di tessuto alta circa 10 cm e lunga quanto la circonferenza del vostro polso + 5-6 cm; tre pezzetti di velcro (io ho usato dei cerchietti di velcro adesivo che avevo già in casa; va benissimo, anzi secondo me meglio, quello da cucire); un po’di materiale da imbottitura; colla; ago e filo.

Ed ecco come procedere:

Puntaspilli-step6

con l’aiuto del ferro da stiro ripiegare verso l’interno i lati corti della striscia di tessuto prescelta per il braccialetto; ripetere l’operazione con i lati lunghi.

puntaspilli-step7

Ripiegare in due in modo da formare una fascetta e stirare bene.

puntaspilli-step8

Cucire lungo i margini.

 

Ora potrete spostarvi  e andare dove vorrete con il vostro lavoro: gli spilli vi seguiranno! E, grazie alla base rigida del vostro tappo riciclato, eviterete di puntarveli nella pelle quando li re-infilzerete con decisione sul cuscinetto!

P.S: il mini puntaspilli è carino anche da solo…

mini punta spilli

Old socks, new friends! A recycling project for Easter.

Per leggere l’articolo in Italiano clicca qui.

I have an insane passion for socks! I especially love the striped ones, but other patterns are ok too. I own many of them and it never seems to be enough!

I love my socks so much that, even when they are old and worn-out, I don’t want to throw them away.

A while ago, while browsing on Pinterest, I came across the fantastic tutorial made by Jayme of Rawr Creatures”: how to make a sock teddy bear!  I love her site. Please take a look at her creatures, they are amazing! Probably she likes socks as much as I do!

Of course, I immediately started making sock teddy bears.  I made a few of them and gave them away as gifts. Each of them has now a special place in the house, and in the heart, of some of my friends. That happened before my blog was born. Perhaps one day I will post something about my teddy bears around the world!

This week I was again browsing across the web and I bumped into “Craftpassion”. Again: how to make stuffed animals out of socks. In this case, bunnies! As Easter is approaching,  the crafting fever made me drop any other activity and start my Old-Socks-Easter-Bunny-Project!

The suggestions from the above mentioned sources combined with the previous experience with the teddy bears resulted in this:

Coniglietti di Pasqua calzini

I have now three new friends! Aren’t they cute?

Do you want to give it a try?

As there are such good and complete tutorials already online – see above – I only want to give here a quick impression on how I have cut the socks to make my own bunnies.

Taglio calzinoLeft picture: the sock is inside out, already cut. The foot and the heel will become the head, and the leg of the sock will become the body+legs of the bunny. The arms are cut out from the second sock.

The rest is only sewing on the wrong side (by hand or with your sewing machine), turn it on the right side and stuff it with some soft material. Because I am impatient and wanted to finish my bunnies the same day, I have decided to sacrifice a pillow for that. But you don’t have to…you can buy some at any craft-store! When you are done, sew the parts together and give your creature a life by adding eyes, nose and accessories.

Calzino tagliato e cucito

Right picture: all the parts have been sewn and turned right side out. Ready to be stuffed.

 

 

 

This is the magic part of the whole project: add buttons, a little embroidered nose, a scarf and suddenly you’ll have your new best friend in front of you!

Coniglietto Pallino close up
Sweet!

If you are planning to give the bunny to a baby, then maybe skip the buttons and find some other solution for the eyes (embroidery?). Babies love to eat their toys and buttons can be harmful in case they come off.

Do you also love socks? Do you know any other way of re-cycling, up-cycling,-re-using them? Let me know!

And, if you happen to make a bunny or some other animal, I’d love to see them!

Happy Easter!

Buona Pasqua