Tag: creative recycling

Bijoux per Halloween

Bijoux for HalloweenCatenina-gatto-nero

Questi gattini neri di plastica, un po’ inquietanti, sono gentile omaggio di una marca di vino che si compra qui nei supermercati: una volta si trovavano legati con un cordino rosso al collo delle bottiglie. Nel tempo, tra bottiglie acquistate da noi e bottiglie regalateci da amici, ne avevo collezionati un po’ e li tenevo appesi in cucina, poi stamattina mi ha colta l’ispirazione di utilizzarli per farmi al volo dei bijoux per Halloween: un’alternativa ai soliti pipistrelli, fantasmini, zombie, ragnetti e alle omnipresenti zucche…

Catenina-gatto-nero-3Una catenina argentata, del filo di metallo, qualche anellino, perline rosse e un paziente lavoro di pinzette…

Catenina-gatto-nero-2

Catenina-gatto-nero-1

E non si dica che non so divertirmi con poco! Gli orecchini poi, li ho fatti in tre minuti, semplicemente infilando perline e gattini in un paio di basi a cerchio…

Orecchini-gatto-neroOrecchini-gatto-nero-1

Buon Halloween a voi! Mieuwwwww….

Bustine di carta fai da te

Mini paper envelopes – DIY

Mini-Paper-EnvelopesLo so, nel post precedente avevo promesso di tornare presto sull’argomento timbrini fai da te e stampa su tessuto! Solo che negli ultimi dieci giorni non ho avuto proprio lo spazio, il tempo e la concentrazione necessari. Lo farò, ri-prometto! Intanto, vi faccio vedere come fare delle mini-bustine di carta, in caso vi capitasse di dover allegare un mini-bigliettino ad un mini-regalino, come è successo a me.

L’idea me l’ha data Ingrid, di Ingthings (Il suo blog è tra i miei preferiti. Lei scrive in Olandese ma i suoi tutorial sono spesso tradotti anche in Inglese).

Io l’ho cambiata solo un po’, e ho adattato le misure della carta alle mie esigenze. Ho iniziato da un rettangolo di circa 21×10 cm. Per ottenerlo, ho tagliato un foglio A4 in tre parti – quasi – uguali (un A4 è 21×29,7 cm. CosÌ, da un A4 si possono ricavare tre bustine).

Ho piegato la striscia come mostrato nella foto seguente: non esattamente a metà, ma lasciando un margine di circa 2 cm (che diventerà la linguetta di chiusura della bustina)

Mini-Paper-Envelopes-Make-1Poi ho praticato due tagli laterali, come mostrato nella foto seguente, sulla sezione più lunga della mia striscia

Mini-Paper-Envelopes-Make-2Poi, ho sagomato gli angoli della sezione più corta, come si vede nella prossima foto:

Mini-Paper-Envelopes-Make-3Ripiegato e incollato le due alette così ottenute:

Mini-Paper-Envelopes-Make-4Ho sagomato e ripiegato  anche l’aletta di chiusura:

Mini-Paper-Envelopes-Make-5

ed eccola qui, una mini-bustina:

Mini-Paper-Envelopes-Make-6utile per mini-messaggi o anche come mini-sacchettino-regalo:

Mini-Paper-Envelopes-twoQueste bustine si fanno in un lampo e sono divertentissime. Come al solito, mi ha preso la mano e ho continuato a tagliuzzare e incollare carta per un paio d’ore buone. Ne ho fatta qualcuna anche formato orizzontale, tipo busta da lettera, con il foglio A4 intero e poi con una metà (A5):

Mini-Paper-Envelopes-horizontalQueste invece sono fatte partendo da fogli quadrati. Quello che si ottiene è una busta lunga e stretta:

Mini-Paper-Envelopes-threeQuaunque carta può andare bene: le pagine di un vecchio libro o di una rivista, volantini pubblicitari con bei colori o belle stampe (occasione di recupero!), carta da regalo, carta da disegno e da pacchi (magari personalizzata?). Fate voi. Buon divertimento e a presto!

Moda economica, ecologica e fai-da-te: da calzino bucato a scaldabraccia!

DIY arm warmers from old socks. Functional, stylish and eco-friendly!

riciclo-vecchi-calzini-1

Sono stata a casa per le feste. Non potrei farne a meno: ogni tot, devo andare! Questa vita in perenne viaggio su e giù per l’Europa, pervasa da costante nostalgia, che a volte mi pesa un po’, a volerla guardare con spirito positivo presenta dei vantaggi. Ad esempio, posso apprezzare le cose belle di entrambi i paesi, che dò per scontate quando mi ci trovo ma che poi mi mancano mentre sono via.

A Milano, a parte la gioia di stare con famiglia e vecchi amici, tra una visita a qualche bella mostra o una serata al cinema o a teatro, mi piace sempre molto girare per negozietti, librerie e mercati rionali, entrare in un bar e bere un caffé senza pagarlo una fortuna e, soprattutto, guardare come si vestono le persone! La cura per l’abbigliamento e un certo buon gusto, in Italia, si sa, non mancano. Certo, ci sono anche le esagerazioni ed un po’ del solito bieco e insensato consumismo (e conformismo), nonostante i tempi che stiamo vivendo. Ma le fonti di ispirazione, per chi ha voglia di inventare il proprio stile, indubbiamente abbondano.

Uno dei fashion-items di questo autunno-inverno, ho notato, è lo scaldabraccia! Ho visto, nelle vetrine e indossati dalle ragazze, abitini e golfini smanicati o a maniche corte accompagnati da lunghi copribraccia coordinati. La cosa mi ha fatto sorridere. Io gli scaldabraccia li ho sempre usati! E me li sono sempre fatti da me… riciclando i vecchi calzini bucati!

During my last trip to my hometown, Milano, I noticed that one of this fall-winter fashion items is the arm warmer. I have seen short sleeves pullovers and mini-dresses matched with arm warmers, often in the same material-colour of the dress, sometimes contrasting. That made me smile, as I always made my own arm warmers from old worn-out socks!

riciclo-vecchi-calziniHo già avuto modo di dire che amo i calzini fantasia e che raramente li butto via: quando sono vecchi e rovinati, cerco sempre di riciclarli. A seconda del grado di consunzione e di dove si trova il danno, provo a trasformarli in qualcos’altro.

As I said before, I love my socks too much to throw them away. So, when they are worn-out, I always try to rescue them.

Lo scaldabraccia o copribraccia è la mia soluzione per quando si bucano in punta o sul tallone.

The arm warmers are my solution, when there is a hole in the foot: only one cut and I have my new ready-to-wear fashion accessory. Finally, I can really show them off!

riciclo-vecchi-calzini-taglioCon una sola sforbiciata per calzino ottengo un nuovo accessorio per personalizzare il mio abbigliamento.

Qualcuno forse riderà, io invece trovo che questi scaldabraccia siano una bella rivincita per i poveri calzini, che hanno trascorso quasi tutta la loro vita nascosti sotto i pantaloni.

Adesso posso ammirarli ed esibirli:

scaldabraccia-da-vecchi-calziniscaldabraccia-da-vecchi-calzini-3scaldabraccia-da-vecchi-calzini-5scaldabraccia-da-vecchi-calzini-4

scaldabraccia-da-vecchi-calzini-6scaldabraccia-da-vecchi-calzini-7

Nell’ultima foto, una vecchia calzamaglia. Questi copribraccia non solo sono belli ma anche utilissimi: come strato “extra” sotto i maglioni quando fa tanto freddo, tra la manica del golfino e i guanti per fermare l’aria quando si va in bicicletta e anche per “allungare” maniche troppo corte.

The ones in the last picture are made out of an old maillot.These arm warmers are not only fashionable, they are also very functional: under a pullover for extra warmth, when the weather is really cold, or to stop the breeze when biking (wear them between your pullover and the gloves!) and to extend too short sleeves!

Guardo con affetto il mio nuovo paio di calzini a cuoricini. Cosa gli riserverà il futuro?

When I look at my new pair of socks, I can’t help thinking: what will I turn them in to, in the future?

riciclo-vecchi-calzini-scaldabraccia