Tag: colours

Colori che riscaldano

Autumn colours and comfort food…

zucca
Dalla fine dell’estate, non sono ancora riuscita ad andare a passeggiare in un bosco e il fogliame qui intorno casa non ci sta dando grandi soddisfazioni in termini di sfumature di colore. Siamo passati dal verde vivo al verde secco, salvo alcune eccezioni. E allora, per catturare un po’ di impressioni d’autunno io ho fotografato le zucche! Con le loro variazioni di arancione, giallo e verde…

Since the end of summer I haven’t had any chance to take a walk in a forest. The leaves on the trees, here in the neighborhood, are pretty much going from the vivid green to a sort of discoloured green-grey. They dry and fall, almost without changing their colour. Therefore, to capture a bit of autumn impressions, I have taken pictures of pumpkins! with their beautiful shades of orange, yellow and green…

zucche3zucche5

Mi piacciono tanto anche le loro forme bizzarre: ce ne sono di tutti i tipi e vanno da minuscole a giganti. Alcune sono solo decorative…

I love their funny shapes too… some are sold only for decoration….

zucche6zucche4
Alcune vengono usate per i più svariati lavori creativi…

Some are used in a creative way…

zucche-buffe

…e molte varietà sono anche deliziose da mangiare! la zucca è molto versatile in cucina, può essere preparata in tantissimi modi…

Many types are delicious to eat as well! Pumpkin can be cooked in so many different ways…

Io la adoro! I love it!

Crema di zucca speziata:

Polpa di zucca a dadini (700-800 gr circa); 1 o 2 patate medie sbucciate e tagliate a dadini; 1 cipolla o 1 scalogno, affettati sottilmente; 1 spicchio d’aglio, pelato e schiacciato o affettato; un pezzetto di curcuma fresca, a seconda del gusto, pelata e affettata sottilmente; 1 cucchiaino di curry o di più, se piace più piccante, dipende anche da che miscela usate, quello che ho comprato io è profumato ma non molto forte; sale marino integrale; olio evo; acqua o brodo vegetale.

Io faccio soffriggere la cipolla e l’aglio in un cucchiaio d’olio extravergine per qualche minuto. Poi aggiungo la curcuma affettata (adoro il suo colore arancio intenso e il suo aroma! In alternativa va bene mezzo cucchiaino di quella in polvere) e il curry. Rigiro bene e lascio che si sprigioni il profumo delle spezie, ancora qualche minuto. Poi aggiungo la zucca e la patata a tocchetti, copro con acqua calda e porto a ebollizione. Aggiungo il sale, abbasso la fiamma e lascio cuocere, coperto, finché le verdure diventano tenere e si possono schiacciare con la forchetta. Frullo col frullatore a immersione. Se serve aggiusto di sale. Servo caldissima, con un filo d’olio extravergine a crudo e accompagnata da buon pane! Ideale per riscaldarsi al ritorno da una passeggiata, adesso che inizia a fare freddino!

Spiced pumpkin soup

700-800 gr pumpkin, peeled and diced; 1 o 2 medium potatoes, peeled and diced, 1 onion or 1 shallot, peeled and finely chopped; 1 clove of garlic, peeled and crushed, or finely chopped; a piece of fresh turmeric, to taste, peeled and finely chopped, or 1/2 teaspoon of ground turmeric (dried); 1 teaspoon of curry (or more if you like it more spicy, depending also on what type of curry you are using, mine is mild); sea salt; extra virgin olive oil; water or vegetable stock.

I first heat a tablespoon of extra-virgin olive oil in a large saucepan over a low heat, add the onion and  garlic and let gently cook for a few minutes. Then I add the spices, stir well and let cook for a few more minutes. Add the pumpkin and potato, cover with hot water or  vegetable stock and bring to the boil. Add a pinch of sea salt, lower the heat and let simmer, covered, until the vegetables are tender. I blend it, taste it and season again if needed. I serve it very hot, with a sprinkle of olive oil on top and good fresh bread! Now that the weather is getting cold, this is ideal to warm you up after a walk! Enjoy!

crema-di-zucca

 

Colori che nutrono

Inspiring colours from the nature…

bietole

Le verdure…a volte anche solo guardarle fa bene alla salute! Vegetables are good for your health. Sometimes I feel good just by looking at them!

bietole-1 bietole-3bietole-4

Queste spettacolari bietole erano anche deliziose… These beautiful chards were delicious as well…

 

 

 

 

(Specie di) Farinata alle bietole

un bel mazzo di bietole fresche; un dente d’aglio o uno scalogno affettato; circa 150 gr di farina di ceci; acqua q.b; presa di sale marino integrale; erbe a piacere (io rosmarino e maggiorana, essiccati); olio evo q.b.

Premetto che, se nel cucito sono precisa, in cucina spesso vado a occhio e intuito. Peso gli ingredienti e mi attengo alle ricette solo quando non ne posso fare a meno (torte, pizza, lievitati in genere). Questa è una ricetta “a occhio e croce” da me improvvisata. So che la farina era circa 150 gr perchè proveniva da un pacchetto da 300 di cui sapevo di aver già usato circa la metà. Detto ciò:

Stemperare la farina di ceci con acqua fino ad ottenere una consistenza semiliquida. Aggiungere un pizzico di sale e erbe aromatiche a piacere (io qui ho messo il rosmarino). Mescolare bene e lasciare riposare alcune ore (Io circa 4, perché ci ho pensato tardi… se avete tempo, anche 8).

Lavare bene le bietole, separare i gambi dalle foglie, sminuzzare. Saltare in padella con aglio o scalogno o entrambi, olio ed eventuali erbe aromatiche (io qui la maggiorana). Meglio iniziare con i gambi, che sono più duretti, e aggiungere le foglie quando questi si saranno un po’ ammorbiditi. Se le foglie sono grosse e i gambi spessi, cuocere a vapore o lessare brevemente e poi ripassare in padella (io ho fatto cosi. Ho anche conservato l’acqua e ci ho cotto il riso la sera dopo).

Rivestire una teglia (la mia è 28 cm di diametro) di carta da forno, disporre le bietole sul fondo, versare l’impasto di farina di ceci fino a ricoprire uniformemente. Infornare a 180-190 gradi, forno già caldo. Dopo 20 minuti circa controllare la cottura: la superficie dovrebbe essersi asciugata e screpolata. Se no, re-infornare e aspettare che ciò accada. A quel punto, spennellare bene con olio d’oliva e re-infornare fino a doratura della superficie. Lasciare intiepidire. Si può anche mangiare appena sfornata: l’interno sarà piuttosto morbido. Più si raffredda, più diventa compatta. Tagliare e servire con contorno a piacere (io insalata di pomodori).

Volendo si può arricchire ulteriormente la pastella con un cucchiaio d’olio e formaggio grattugiato. Buonissima! Il giorno dopo a pranzo, fredda, con pane tostato…ancora più buona!!!

farinata-con-bietole