Inspiring colours from the nature…

bietole

Le verdure…a volte anche solo guardarle fa bene alla salute! Vegetables are good for your health. Sometimes I feel good just by looking at them!

bietole-1 bietole-3bietole-4

Queste spettacolari bietole erano anche deliziose… These beautiful chards were delicious as well…

 

 

 

 

(Specie di) Farinata alle bietole

un bel mazzo di bietole fresche; un dente d’aglio o uno scalogno affettato; circa 150 gr di farina di ceci; acqua q.b; presa di sale marino integrale; erbe a piacere (io rosmarino e maggiorana, essiccati); olio evo q.b.

Premetto che, se nel cucito sono precisa, in cucina spesso vado a occhio e intuito. Peso gli ingredienti e mi attengo alle ricette solo quando non ne posso fare a meno (torte, pizza, lievitati in genere). Questa è una ricetta “a occhio e croce” da me improvvisata. So che la farina era circa 150 gr perchè proveniva da un pacchetto da 300 di cui sapevo di aver già usato circa la metà. Detto ciò:

Stemperare la farina di ceci con acqua fino ad ottenere una consistenza semiliquida. Aggiungere un pizzico di sale e erbe aromatiche a piacere (io qui ho messo il rosmarino). Mescolare bene e lasciare riposare alcune ore (Io circa 4, perché ci ho pensato tardi… se avete tempo, anche 8).

Lavare bene le bietole, separare i gambi dalle foglie, sminuzzare. Saltare in padella con aglio o scalogno o entrambi, olio ed eventuali erbe aromatiche (io qui la maggiorana). Meglio iniziare con i gambi, che sono più duretti, e aggiungere le foglie quando questi si saranno un po’ ammorbiditi. Se le foglie sono grosse e i gambi spessi, cuocere a vapore o lessare brevemente e poi ripassare in padella (io ho fatto cosi. Ho anche conservato l’acqua e ci ho cotto il riso la sera dopo).

Rivestire una teglia (la mia è 28 cm di diametro) di carta da forno, disporre le bietole sul fondo, versare l’impasto di farina di ceci fino a ricoprire uniformemente. Infornare a 180-190 gradi, forno già caldo. Dopo 20 minuti circa controllare la cottura: la superficie dovrebbe essersi asciugata e screpolata. Se no, re-infornare e aspettare che ciò accada. A quel punto, spennellare bene con olio d’oliva e re-infornare fino a doratura della superficie. Lasciare intiepidire. Si può anche mangiare appena sfornata: l’interno sarà piuttosto morbido. Più si raffredda, più diventa compatta. Tagliare e servire con contorno a piacere (io insalata di pomodori).

Volendo si può arricchire ulteriormente la pastella con un cucchiaio d’olio e formaggio grattugiato. Buonissima! Il giorno dopo a pranzo, fredda, con pane tostato…ancora più buona!!!

farinata-con-bietole

 

 

5 comments on “Colori che nutrono”

    • Ciao, Anna, grazie per il commento. Per una cuoca come te questa ricetta é una bazzecola :), provala! penso venga buona anche con qualunque altra verdura…
      Un beso!

    • Grazie! Sí sí é stata molto apprezzata…bene, cosí so che posso riproporla! Questa puoi fartela a casa, é facile e veloce! ottima anche fredda il giorno dopo…io qui non trovo facilmente la farina di ceci ma in Italia si compra in qualunque supermercato, o no?
      Saluti, alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *