Categoria: cucito creativo

Tracolla da uomo da vecchio pantalone militare.

Tracolla-uomo-riciclo_4

Festeggiamo! Ho portato a termine un progetto che avevo iniziato a Febbraio!

La borsa per il computer portatile doveva essere il mio regalo di compleanno per il mio compagno (Febbraio, appunto). Su cosa desiderasse ricevere mi ero informata per tempo e non mi aveva nemmeno sfiorata l’idea di mettermi a farla io a mano. Senonchè la mia ricerca di una borsa con i requisiti richiesti che piacesse a entrambi non dava grandi frutti.

A far scattare la molla creativa è stata una serata al cinema: in una delle scene del film che avevamo scelto compare un personaggio con una borsa a tracolla, bellissima nella sua semplicità e possibilissima da riprodurre, con i dovuti adattamenti.

Come resistere? Anche se sapevo di avere praticamente zero tempo ho annunciato che sì, la borsa gliel’avrei fatta io, altro che comprare su internet!

Tracolla-uomo-riciclo_dett_3

Ho deciso subito che per la tracolla avrei acquistato una bella fettuccia di cotone robusto già pronta.

Ciononostante, svariate settimane sono trascorse per individuare il tessuto per la borsa. Mi ero fissata con la waxed canvas, una tela di cotone cerata che va per la maggiore nei blog di cucito americani ma che, a quanto pare, qui da noi è impossibile da reperire. Il problema, ho scoperto, è conosciuto e condiviso da diverse altre blogger europee, alcune delle quali si sono industriate a inventare modi per “cerare” da sé il tessuto. Io non volevo saperne, né di incerature fai da te, né di acquisti online di stoffe d’oltreoceano.

La soluzione è arrivata, ancora una volta, da una delle mie solite ricognizioni al mercatino dell’usato.

Sono incappata in un paio di vecchi pantaloni militari di una misura extra extra large. La fattura di questi pantaloni meriterebbe un post a parte, basti dire che erano doppi: praticamente un pantalone infilato in un altro pantalone! Tela robustissima a trama fittissima. E così, con quattro euro, mi sono portata a casa una quantità di tessuto più che sufficiente (e più che adatta), al mio progetto.

Poi tra: lavare il pantalone, scucirlo, reperire la fettuccia per la tracolla del colore giusto nonchè anello e passante che facessero al caso, disegnare il modello e procedere con la fattura (che non è stata una passeggiata: su quella stoffa anche l’ago da jeans ha sofferto. E la macchina, in alcuni passaggi, pure), è passato il tempo che è passato.

Tracolla-uomo-riciclo_dett_4

Però gente, che soddisfazione! Che bello sapere che se non si molla, si procede dritto un passo dopo l’altro, prima o poi da qualche parte si arriva.

Tracolla-uomo-riciclo_2

Non ho fatto foto dell’interno, ma la borsa è foderata con lo stesso identico tessuto dell’esterno. Doppia, proprio come il pantalone originario. In questo modo non ho avuto nessun bisogno di usare telette di rinforzo. Certo, non è cerata e non può resistera ad un diluvio, ma sfido una normale pioggia a penetrare quella trama!

Tracolla-uomo-riciclo_dett_2

Non ho inserito tasche o accessori ma mi sono divertita ad utilizzare dettagli del pantalone per abbellire la mia borsa, come il marchio stampato e molto sbiadito che si vede nella foto sopra, o l’etichetta interna con la taglia, che ho cucito sul davanti:

Tracolla-uomo-riciclo_1

Ho anche mantenuto la cucitura originale della gamba per spezzare la monotonia della tinta unita e ho fissato uno dei tanti passanti del pantalone alla patella di chiusura. Non c’è bottone, è solo decorativa:

Tracolla-uomo-riciclo_dett_1

E così il mio compagno ha la sua borsa per il portatile, che però occasionalmente diventa anche tracolla da passeggiata col cane. E io il mio progetto concluso e il mio post sul blog. Evviva!

boa

Al momento non ho nuovi progetti in corso ma.. chissà? Ho imparato che le idee arrivano per le vie più inaspettate. Un saluto e alla prossima!

impronta

 

 

Borsa maxi in velluto arancione

sacca-arancione-001

Questa borsa era nella mia cartellina delle idee da quando, in una delle regolari ricognizioni al mercatino dell’usato, mi ero aggiudicata per pochi spiccioli uno scampolone di velluto pesante e un taglio di cotone stampato un po’ vintage, in colori abbinabili.

Sapevo che volevo farci un bel borsone e avevo in mente più o meno il modello, ma non riuscivo a venirne a capo. Meno male che c’è sempre qualcuno, da qualche parte, tanto bravo da concretizzare un progetto che assomiglia a qualcosa che anche noi abbiamo in mente e tanto generoso da condividerlo! Ho trovato un bel tutorial sul blog Chez Più, la cui autrice ringrazio moltissimo! Era la borsa che desideravo!

Una volta calcolate le misure in base alle mie esigenze (ho solo ridotto un po’ in proporzione) la realizzazione è stata semplicissima. Solo più laboriosa, perché volevo anche fodera, chiusura magnetica e tasca interna con zip. Mi sarebbero piaciuti tanto i manici in cuoio attaccati con i rivetti, come i suoi, ma per stavolta mi sono accontentata di cucirli nello stesso tessuto della borsa e inserirli nel modo più classico, tra la fodera e l’esterno, posizionandoli tra l’altro più al centro del modello.

sacca-arancione-002

foglie-autunnali-aranciosacca-arancione-003autunno-colori-bacche-arancio sacca-arancione-004Mi piace molto e ho già in mentre altre variazioni…ma intanto mi godo la mia nuova maxi borsa autunnale e la soddisfazione di un progetto portato a termine. Alla prossima!

sacca-arancione-005

Asole appendi asciugamani

Appendiasciugamani_fare_6Rieccomi! con un micro-lavorino di cucito che spero sia servito a riaccendere non solo la macchina da cucire ma anche un po’ della mia di voglia di fare, dopo questo periodo di ferma. Un buon modo per riprendere contatto con le mie passioni quando, per qualsivoglia ragione, le ho lasciate da parte per un certo tempo, è provare a portare a termine piccoli progetti semplici, magari di carattere pratico. Come per esempio la modifica agli asciugamani da bagno che avevo in mente da un po’.

Appendiasciugamani_1_aIn piscina o in palestra ho il problema di come appendere l’asciugamano negli spogliatoi e nelle zone doccia in modo che non scivoli via dall’appendino, finendo inevitabilmente sul pavimento, non sempre pulitissimo e magari pure bagnato! Alcuni dei miei asciugamani sono dotati di asola ma io trovo che sia posizionata nel posto sbagliato (sull’angolo o sul lato corto) e mai abbastanza ampia e robusta. Una volta però mi è capitato di vedere un asciugamano con una bella asola di fettuccia cucita sul centro del lato lungo e ho trovato che fosse una soluzione brillante che faceva al caso mio. Cosí ho deciso che dovevo cucirne anch’io una simile su tutti quelli di casa.

Ottima occasione anche per utilizzare pezzi avanzati di vari cinturini di cotone stampato, che avevo cucito per altri progetti. Li conservavo in un barattolo, in attesa che tornassero utili!

Appendiasciugamani_fare_1

Ho iniziato piegando a metà l’asciugamano, sul lato lungo, in modo da trovare il centro. Poi ho scucito qualche centimetro del bordino e ho posizionato le estremità del cinturino sotto l’orlo. Io ho voluto un’asola piuttosto lunga ma si può fare anche più corta, a seconda delle esigenze e naturalmente va benissimo, volendo, una normale fettuccia.

Appendiasciugamani_fare_2

Ho ripiegato l’orlo e fermato il tutto con gli spilli. Qui è importante che le estermità del cinturino siano ben diritte, perpendicolari all’orlo, per evitare che scappino dalla cucitura.

Appendiasciugamani_fare_3

Ho ricucito l’orlo con un punto dritto piuttosto ravvicinato, fermando bene l’inizio e la fine della cucitura, che ho avuto cura di sovrapporre esattamente a quella vecchia. Finito!

In questo modo, non non pendono in tutta la loro lunghezza e di sicuro non cadono dal gancio! Nel bagno di casa posso anche appenderli al termosifone.

Appendiasciugamani_2Appendiasciugamani_fare_4

Mi sono divertita ad abbinare i colori, scegliendo tra quanto avevo a disposizione, e ho passato un paio d’ore di cucito rilassante.

Appendiasciugamani_fare_5

Trovo che queste asoline diano anche un tocco nuovo e allegro ai miei vecchi asciugamani. A presto e …buon bagno!