BreivorkBreien in Olandese significa lavorare a maglia, vork significa forchetta. Questa curiosa forchetta o forcella per fare la maglia l’ho comprata sul banchetto di un mercatino di Natale dove si tenevano dimostrazioni di arti e mestieri di una volta. Ho scoperto che si chiama anche Lucet, e ha origini molto antiche. Mi ha conquistata subito, vista anche la semplicità di utilizzo e la soddisfazione immediata che se ne ricava. Oltretutto, trovo che sia un oggetto molto carino.

Breivork-1In pratica si utilizzano i “rebbi” della forchetta per reggere i punti, che si lavorano “scavalcando” il filo libero con l’aiuto di un uncinetto o di un apposito ago ricurvo (ma si può far anche semplicemente con le dita). Ad ogni punto si gira la forchetta, in modo da lavorare alternativamente su entrambi i rebbi, e si aggiusta un po’ il lavoro tirando delicatamente tutti i fili per uniformare la maglia.

Breivork-2

Breivork-3Quello che si ottiene è un bel cordoncino intrecciato. Al momento trovo che sia  un’attività rilassante, da usare un po’ come passatempo delle feste e scacciapensieri, in attesa di idee…

collana-e-orecchini-lanaPer ora, con il primo lungo cordoncino, ho improvvisato una collana semplice a tre giri, e l’ho abbinata con un paio di orecchini altrettanto improvvisati (due palline di feltro in colori simili infilate in monachelle fatte da me in modo rudimentale col filo argentato per bigiotteria!), poi chissà…

..intanto, approfitto per augurarvi un buon anno nuovo, ancora ricco di idee e creatività! A presto!

Buon-2016-Punto-Dritto

 

 

 

12 comments on ““Breivork” o la maglia facile (e buon 2016)!”

    • Ciao, ancora Buon Anno! Rispondo solo ora perché in questi giorni ho accesso limitato a Internet.
      Cosa mi hai citato..la maglieria magica! ce l’avevo da bambina e la adoravo, chissá che fine ha fatto! Mi piacerebbe averla ancora..La forchettina qui, invece, fa un lavoro diverso, serve proprio per produrre un cordone intrecciato, che non é tubolare, ovvero cavo all’interno. E fa solo quello! Ciao, a presto!

  1. Tutte tu le scovi! Questa forchetta per lavorare la maglia proprio non la conoscevo. Il risultato, però, mi ha ricordato la lavorazione con le caterinette o tricotin, che non ho mai provato e non so se il risultato è lo stesso. Dev’essere molto divertente! Buon anno creativo anche a te!

  2. Ciao Pia, rispetto alla caterinetta, di cui parleró prossimamente, questo lucet fa un lavoro diverso. Come dicevo nella risposta al commento di Joe, qui sopra, serve a produrre una corda intrecciata. Con il tricottino invece (anche lui molto divertente) si realizza un tubolare. Sono comunque entrambe varianti della maglia. Ancora auguri e a presto 🙂

    • Ciao Lucia, innanzitutto scusa se ti rispondo cosí tardi, ero in viaggio e con accesso a Internet limitato. Purtroppo sull’acquisto della forcella non so come aiutarti, se non suggerendoti di provare a cercare su internet oppure nei negozi di maglieria un po’specializzati, dove vendono lane, cotoni, ferri e uncinetti. Io l’ho comprata ad un mercatino in Olanda. in Italia non l’ho mai vista ma non l’ho nemmeno mai cercata! In bocca al lupo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *